Per un appuntamento telefona al 349 6347184

LO PSICOLOGO RISPONDE: "I sensi di colpa e altre emozioni"

Salve,
sono una ragazza di 24 anni e le scrivo perché da qualche giorno sto soffrendo molto per via dei sensi di colpa che non mi danno pace e vorrei chiederle un consiglio.Il mio ragazzo, con il quale sto insieme da pochi mesi, mi ha fatto delle confidenze riguardo
alla sua difficile situazione familiare e a me è capitato di riferire il suo discorso alle mie migliori amiche. Pur non essendomi comportata affatto in malafede adesso sono terribilmente pentita, soprattutto perché il mio ragazzo mi ha rivelato che di queste cose ne ha parlato esclusivamente con me. Avrei la tentazione di dirgli tutto e di chiedergli scusa, ma mi rendo conto che questo sarebbe un comportamento egoistico e che porterebbe soltanto effetti negativi. Infatti gli causerei di certo sofferenza e lo deluderei. Fra di noi c’è un rapporto estremamente onesto e trasparente, ma in questo caso forse è meglio tacere. 
Ho capito la lezione e in futuro sarò sicuramente più accorta, eppure non riesco a smettere di sentirmi in colpa. Lei cosa ne pensa? Ho fatto uno sbaglio così grave? Vorrei smetterla di colpevolizzarmi tanto …La ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità.Cordiali saluti
Lucrezia

Cara Lucrezia,
lei sa già cosa fare: non raccontare nulla al suo ragazzo e affrontare i suoi i sensi di colpa. 
Sensi di colpa in parte legati alla paura di perdere il suo ragazzo per aver "tradito" il rapporto di fiducia appena nato. Sono sicura che ha capito l'importanza della discrezione e che in futuro non le accadrà di riferire pensieri personali di lui ad altri ma forse questo non basta a ritrovare la serenità.

Per placare i suoi pensieri di colpa inizi con il chiedere semplicemente alle persone a cui l'ha raccontato di non diffondere ulteriormente queste informazioni. 
In secondo luogo, faccio una riflessione: mi viene da pensare che se lei ha avuto necessità di parlarne con altri queste informazioni sono difficili da tenere per sé. Perché troppo dolorose, complesse, simili o diverse dalle sue o altro ancora. 

Il turbamento che lei prova ora, forse, è anche legato al turbamento che quei "segreti" le hanno suscitato e al significato che ha attribuito al ricevere quelle confidenze. Provi a ritornare su quell'esperienza e si chieda come si sente, cosa si aspetta da sé, che valore ha tale confessione nella vostra storia, etc. 

Occorre indagare e capire meglio gli altri vissuti, andando al di là del senso di colpa che l'assilla ma copre le altre emozioni.
Auguri, dott.ssa Katjuscia Manganiello

Se desideri rivolgere una domanda alla psicologa scrivi a katja.manga@libero.it

La risposta arriva in forma privata. Alcune e-mail saranno pubblicate senza dati personali autentici per evitare ogni possibile riconoscimento nel rispetto della legge sulla privacy  
                            Dott.ssa Katjuscia Manganiello | Psicologa Psicoterapeuta
 Tel. 349 6347184
Studio di Psicologia e Psicoterapia | via XI febbraio, 63 - 61121 Pesaro (PU)
e-mail katja.manga@libero.it  
Posta un commento